La figura del Mediatore Linguistico,Traduttore, Redattore per l’editoria: una serie di incontri orientativi


Orientamento  SSml San Domenico offerti da UNITALIA l’associazione di categoria per i professionisti della traduzione e l’interpretariato : la figura del Mediatore linguistico, traduttore, redattore per l’  editoria .

traduzione

Una serie di eventi ed incontri che presenteranno le attività   in programma presso la SSML San Domenico  rivolgendosi a coloro  i quali sono interessati  a conoscere   figure professionali della Mediazione linguistica   del traduttore, redattore in ambito editoriale, con l’obiettivo di fornire gli strumenti basilari per conoscere il mondo dell’editoria.

Agli interessati saranno presentati i corsi offerti sulla piattaforma on line in collaborazione con UNITALIA l’associazione che raccoglie i professionisti  della mediazione linguistica.

per saperne di più chiama o invia una mail:

 

Il traduttore editoriale produce un’opera tutelata dai diritti d’autore, un’opera creativa che viene riconosciuta come autonoma e per definizione di legge, una traduzione editoriale è un’opera dell’ingegno assimilabile alla creazione di uno scrittore

L’orientamento  è rivolto agli studenti delle scuole superiori, ai docenti a tutti coloro  che amano il mondo dell’editoria e vogliono intraprendere questa professione; è anche rivolto a tutti coloro intendono riqualificarsi con un corso professionale a distanza e desiderano avventurarsi nel vasto mondo della traduzione e delle professioni  in ambito editoriale.

 Gli incontri orientativi intendono  anche consigliare a chi aspira a entrare in questo settore lavorativo  l’utilizzo dei sistemi di elaborazione dati, nell’utilizzo dei principali CAT tools, strumenti di traduzione assistita al computer, essenziali per capire come tali strumenti siano veramente utili e facilitano il lavoro del traduttore. Partecipare agli incontri  potrà essere utile per capire come un corso di traduzione on line promosso da UNITALIA  possa servire a  apprendere come funziona il mestiere, come procedere nel lavoro e altri punti importanti per delucidare la professione,  può essere una buona strategia operare in questo campo , per capire se si è pronti a operare da freelance, o se si è più propensi al lavoro di gruppo a distanza.

mediazione-linguistica

IL traduttore editoriale si occupa di tradurre diversi tipi di testo, lavorando per una casa editrice, e, soprattutto, lavora in regime di diritto d’autore: la traduzione rimarrà sempre sua, ma poi cede i diritti d’autore della sua opera alla casa editrice dopo un determinato tempo, periodo che di solito è di 20 anni, ma può anche essere di 70. Per poter diventare traduttore è utile avere la laurea in Mediazione Linguistica con esperienze di traduzione letteraria, saper lavorare tramite i blog, frequentare corsi di specializzazione, corsi e master inerenti un determinato settore. Questo perché un mediatore linguistico, un  traduttore non vive di sole traduzioni, anzi deve essere capace di ampliare le proprie conoscenze in ogni campo, in diverse discipline, deve essere in grado di muoversi, di interagire con gli altri. Ma deve avere anche la passione che è molto utile per svolgere questo lavoro.

Un altro aspetto fondamentale nel lavoro di Mediazione linguistica, di traduzione riguarda la scelta del settore in cui operare, se medico, economico, giuridico, ecc., e per questo è essenziale costruirsi un buona base terminologica, “studiare” diversi manuali sul settore scelto, sapere come costruire un glossario delle schede terminologiche per non perdere i termini che  sono stati già utilizzati e che potrebbero ricorrere più volte in un medesimo testo, ma anche come effettuare la ricerca terminologica nella grande rete di Internet. Ed è importante anche lo studio della linguistica, dei corpora che ci aiuta a capire come diversi termini inerenti un determinato settore vengono collocati, vengono uniti per formare espressioni ben costruite.

 

Mediazione linguistica per apprendere a non essere solo traduttore

A volte capita che il traduttore incontri delle difficoltà nel suo lavoro, soprattutto nella modalità di tradurre alcune espressioni, espressioni che non sono sempre facili da trovare, espressioni che devono rendere il testo ben fluido, dando un senso logico nella lingua d’arrivo. Trappole che si possono incontrare anche nella traduzioni di testi contenenti espressioni dialettali appartenenti alla lingua di partenza, ma che non sempre possono trovare delle corrispondenze nella lingua di arrivo, e in questi casi il traduttore deve chiedersicome posso tradurlo in modo che i lettori possano comprenderlo?”. Quesito   non sempre  facile da  rispondere, e per questo il traduttore diventa un mediatore linguistico, un comunicatore   capace di  trovare diversi modi di tradurre la stessa frase, la stessa parola, fino a quando questa non dia al testo quel senso logico facile da essere compreso . Rendendo, così, il testo una riscrittura viva, ben comprensibile al lettore.

Tradurre è un lavoro molto interessante, affascinante. Ma allo stesso tempo complesso e indefinibile. Tuttavia, per svolgerlo bene, non basta conoscere una o due lingua, anzi è essenziale conoscere soprattutto la propria, bisogna essere in grado di capire i significati e le varie strutture sintattiche delle lingue in cui si traduce, conoscere bene i diversi canoni culturali, letterari, stilistici del paese di cui si studia la lingua, ecc. È fondamentale, quindi, avere un atteggiamento   predisposto ad apprendere e migliorarsi.

Partecipa alla giornate formativa vieni ai nostri Open day!

per saperne di più chiama subito e vieni atrovarci

 

  • Via Casilina, 233, 00176 Roma

 

Mediazione linguistica: interpreti, traduttori, adattatori, figure emergenti nel mercato del lavoro


Il Mediatore Linguistico è una figura professionale che svolge attività di mediazione tra persone e i servizi dei vari paesi stranieri, con lo scopo di facilitare una comunicazione e una comprensione reciproca. questa figura profesionale, altamente richiesta,si distingue sia dal traduttore, perché non tratta solo la traduzione del testo scritto, pur contemplandola nella propria attività, sia dall’interprete,che si avvale dell’utilizzo di apparecchiature tecniche necessarie per l’interpretazione congressuale, pur essendo in grado di gestire la traduzione orale in gruppi più ristretti di persone con le tecniche dell’interpretazione consecutiva, della trattativa e dello chuchotage (tipo di interpretazione simile alla simultanea ma senza l’ausilio di microfoni o cabine).

La mediazione linguistica ,figura sempre più richiesta in ambito occupazionale,  non si occupa solo di intermediazione linguistica, ma è in grado  di rimuovere gli ostacoli che si creano nella comunicazione, per favorire lo scambio e la comunicazione tra persone che vengono da diversi paesi.

SSMLSANDOMENICO_INTERNATIONALCAMPUS real

La figura professionale del mediatore linguistico  può essere utilizzata in diversi settori lavorativi della nostra società ( aziende, enti, associazioni, onlus, ONG,scuole, strutture sanitarie, carceri ecc.). Un aspetto fondamentale di questo profilo professionale  è saper essere al di sopra della parti e garantire un dialogo su base paritaria, nel rispetto delle differenze culturali. Il mediatore è anche interprete e traduttore, ma  è il dialogo che garantisce la buona riuscita della mediazione, la capacità di saper creare un ponte tra culture.

Il successo dell’ intervento è la sua capacità e la necessità di essere un esperto della comunicazione.

mediazione linguistica campus

Il mediatore linguistico utilizza le proprie conoscenze linguistiche e culturali e la propria capacità relazionale ed empatica per meglio interpretare ed esprimere le caratteristiche e i bisogni degli stranieri e non: si pone da “ponte” tra gli immigrati stranieri e i servizi e/o popolazione del Paese di accoglienza. Non è solo un interprete che traduce da una lingua ad un’altra, ma esercita una funzione di orientamento culturale nei confronti degli immigrati, per favorire la loro completa integrazione.

master-professionali-ssmlsd

  • Via Casilina, 233, 00176 Roma

Mediazione Linguistica e Sbocchi Professionali – I profili lavorativi


ISCRIZIONI ED ESAME AMMISSIONE CLICCA QUI

Il Mediatore Linguistico  grazie ad una competenza linguistica settoriale in più lingue  straniere, può essere impiegato in diverse attività lavorative sia come dipendente che come  libero professionista.

I Mediatori Linguistici possono svolgere attività professionali nel campo dei rapporti internazionali, a livello interpersonale e d’impresa, della ricerca documentale, della redazione in lingua di testi quali rapporti, verbali, corrispondenza, di ogni altra attività di assistenza di alto profilo alle imprese e negli ambiti istituzionali.

Cosa significa una formazione efficace e innovativa:

Il nostro Piano di Studi , fornisce  competenze linguistiche in almeno  due lingue straniere oltre la madrelingua e la possibilità  di studiare  una terza o una quarta lingua, prevede diversi indirizzi oltre quello di base in traduzione e interpretariato e/o traduzione ed adattamento  come l’indirizzo per le professioni del turismo o  quello aziendale imprenditoriale che permettere agli Studenti di acquisire ,tramite insegnamenti  in settori specifici, le competenze  utili all’inserimento professionale in  diversi ambiti lavorativi.

 Solo alcuni esempi di sbocchi professionali e occupazionali 

Gli sbocchi professionali  sono molti e professionalmente sostenuti e promossi dalla nostra associazione professionale UNITALIA la cui presidente Prof Adriana Bisirri cura e sostiene le attività di tirocinio per l’inserimento professionale di tutti i laureati che escono dalle SSML aderenti ad AUPIU . Tutti gli studenti vengono automaticamente iscritti  già da laureandi  nel  terzo anno. Molti svolgono anche attività di tirocinio in associazione con la creazione di un blog e la capacità di sapersi promuovere tramite i Social Media .  Elenchiamo solo alcuni esempi di profili :

  • Interprete free lance; traduttore free-lance, traduttore editoriale, localizzatore, traduttore e adattatore  di audiovisivi, consulente linguistico per le Camere di Commercio Estere, consulente linguistico per le forze dell’ordine.
  •  Mediatore linguistico, per le relazioni esterne di aziende o uffici pubblici, responsabile della comunicazione aziendale per multinazionali o aziende import-export, portavoce e addetto stampa, traduttore e interprete in agenzie giornalistiche.
  •  Mediatore Linguistico  ed operatore di pace, cooperante nelle organizzazioni umanitarie, impiegato in ambasciate o uffici consolari e operatore nelle ONG.
  •  Mediatore linguistico tour leader per compagnie di crociera, impiegato per compagnie aeree e tour operator, per agenzie di spedizioni e di trasporti internazionali, per la marina mercantile, armatori e compagnie navali.
  •  Mediatore linguistico operatore all’interno di PCO (Professional Congress Organizer), nella ricezione e nel management  alberghiero, come responsabile relazioni esterne per musei e imprese private turistiche.
  •  Mediatore linguistico nell’ambito della area commerciale di aziende internazionali come Key Account Manager, Export sales Manager, Product Manager etc
  •  Mediatore Linguistico nell’ambito dell’area Marketing di aziende internazionali: nel marketing di prodotto, nel retail marketing, nel trade marketing, nel web marketing
  •  Mediatore linguistico come assistente di direzione in società multinazionali, nel reparto Risorse Umane di aziende internazionali.
  • Mediatore linguistico per le nuove tecnologie, esperto comunicatore nei social media  e Blogger.
  • Per saperne di più
  • Le carriere all’avanguardia per l’occupabilità
  •  Il  nostro titolo di Mediatore Linguistico per il Management e Sviluppo del Territorio  è equipollente alla laurea in Mediazione Linguistica L12  e permette  un diretto inserimento in aziende nei settori diversi .  Molte aziende ed enti si rivolgono direttamente a noi per avere i migliori laureati.Non solo la conoscenza  e competenza tecnica  settoriale delle lingue, ma anche della cultura creativa in ambito dell’arte e dello spettacolo, della storia e dell’arte, dell’aspetto economico-giuridico, storico-turistico, dei vari paesi di riferimento, crea  professionisti indispensabili per l’inserimento nell’attuale mercato del lavoro.

Esame Ammissione Interpreti e Traduttori, Mediatori Linguistici : Scegli il tuo Futuro per un Lavoro sicuro!

In evidenza


SCOPRI COME ACCEDERE AL TUO SUCCESSO PROFESSIONALE! RICHIEDI IL TUO TEST DI INGRESSO ORA… 06.27801150!

Affrettati e prenota il tuo esame di ammissione !

Se stai frequentando l’ultimo anno della scuola superiore , del liceo  linguistico, del liceo classico o scientifico  oppure sei uno studente dell’ università di lingue, delle varie facoltà di lingue e letterature straniere e sei insodisfatto perchè desideri diventare interprete e traduttore o riuscire in una delle tante professioni offerte  dalla Mediazione Culturale e Linguistica e sei appassionato di studiare le lingue orientali, sei invitatio a vsitare il nostro campus universitario e a non rassegnarti per il tuo futuro lavorativo.

Potrai rendersi subito conto che la nostra formazione è unica e vincente nel territorio italiano. In tempi di crisi economica solo una formazione in Mediazione Linguistica per il Management e lo Sviluppo del Territorio con gli innumerevoli indirizzi professionali  ti può garantire un lavoro e una occupazione di successo anche a livello intrnazionale.

La  grande maggioranza degli studenti di lingue (inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, arabo, cinese, romeno e portoghese) sanno che è fondamentale partire, per frequentare gli istituti più innovativi, perfezionare le lingue, scoprire ambienti di lavoro stimolanti, dal Regno Unito all’Australia, dalla Cina alla Russia, dall’Europa al Brasile alle Americhe.

Noi della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici “San Domenico” insieme  ad AUPIU e al nostro  partner specializzato in viaggi studio e in vacanze studio all’estero Lingua Academy abbiamo scelto per i nostri studenti del corso di Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica , dei master in traduzione ed interpretariato, Linguistica Forense, Interpretariato di Conferenza, Traduzione ,Adattamento, Sottotitolaggio degli audiovisivi , Alta Formazione in  Security and Intelligence,  i luoghi più interessanti e più ricercati, mettendo a loro a disposizione  borse di studio per le vacanze studio con alloggi in residence,in famiglia o appartamenti per corsi da 2 a di 3 settimane all’estero, nei mesi di luglio, agosto e settembre, quando le lezioni nel nostro International Campus di Roma sono sospese per le vacanze estive. Non esitare, telefona subito  e prenota il tuo esame di ammissione per non perdere questa meravigliosa occasione. Solo se ti iscriverai entro e non oltre il mese di Maggio potrai usufruire di questa grande opportunità ! Non perderla! Consulta le diverse località e scegli il tuo futuro di successo!       

Chiedete informazioni alla segreteria

Tel. 0627801150   Fax: 0692912348

Email: icampus@centroformazioneprofessionale.it

orario: 9.00 – 13,00 / 15,00 – 18,00

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN INTERPRETARIATO E TRADUZIONE FORENSE


images lowCORSO A.F. INTERPRETARIATO E TRADUZIONE FORENSE

La figura professionale del Mediatore Linguistico, dell’Interprete e del Traduttore Forense in Italia,è diventata negli ultimi dieci anni di fondamentale importanza, a causa del significativo aumento dei cittadini stranieri coinvolti in ambito di procedimenti penali o civili, che siano autori o vittime di reato, o anche reclusi negli istituti di pena o fermati dalle forze dell’ordine.

Il corso di alta formazione in “Interpretariato e Traduzione Forense” vuole fornire una conoscenza approfondita della terminologia giuridica, della criminologia forense e delle tecniche di comunicazione, inquadrandole nel più ampio contesto dell’Interpretariato e della traduzione giuridica forense. Ha, inoltre, lo scopo di preparare i partecipanti alla gestione delle moderne strategie comunicazionali utili, con le metodologie proprie della mediazione culturale e linguistica.
La figura professionale è indispensabile alla luce della legislazione processuale che, introducendo il principio del giusto processo, sottolinea il ruolo dell’interprete, del traduttore, del mediatore linguistico e culturale quale agevolatore del reo imputato in un processo, o anche della parte offesa, entrambi stranieri.

Destinatari
Il Corso in “Interpretariato e Traduzione Forense” è riservato a coloro i quali abbiano una laurea di I livello conseguita in un paese comunitario o titolo equipollente e  si rivolge, inoltre, a professionisti del settore per una riqualificazione e un aggiornamento e ai non laureati con una esperienza dimostrabile nel settore di almeno cinque anni, con una conoscenza avanzata della lingua italiana e della lingua inglese (livello minimo richiesto: B2 – framework europeo).
Per gli studenti stranieri che non abbiano un livello B2 sarà obbligatorio un corso propedeutico in lingua e cultura italiana. Potranno essere attivati i percorsi in spagnolo, tedesco, francese, arabo,portoghese, romeno, cinese, russo con almeno 6 iscritti. L’attestato professionale è il titolo rilasciato a quanti frequentino regolamento almeno il 70% di ore e sostengano con profitto laprova di fine corso, consistente in prove di traduzione, mediazione linguistica simulata, sia scritta che orale, da e verso l’italiano.

Sbocchi professionali
Il Corso alta formazione in “Interpretariato e Traduzione Forense” permette di conseguire quelle competenze specifiche necessarie volte all’esercizio delle professioni di traduttore e interprete per: tribunali, studi legali e notarili, uffici legali di aziende ed enti pubblici, enti governativi, editoria del settore giuridico, ONG e non, etc.

Metodo Didattico
Le lezioni sono frontali e prevedono un monte di 60 ore accademiche (45’ ciascuna) con esercitazioni pratiche in laboratorio. Si svolgeranno il sabato dalle 9,00 alle 14,00 (2 pause da 15’).
Il corso alta formazione si articola in aree tematiche che prevedono l’approfondimento della lingua inglese (o di altra lingua) e l’integrazione di nozioni di natura giuridica, criminologica, sociologica, antropologica, comunicazionale psichiatrica e medico-legale.

MODULI

Area Discipline Giuridiche
1. Cenni di Diritto Penale e Processuale Penale (Esecuzione dell’incarico peritale)
2. Cenni di Diritto Civile e Processuale Civile
3. Cenni di Diritto Costituzionale
4. Cenni di Diritto dell’Unione Europea (Diritto dell’Immigrazione)
5. Cenni di Diritto Amministrativo e Diritto del Lavoro

Area Discipline Scienze Psico-sociali e Scienze Criminologiche
1. Sociologia dei Processi Culturali e Comunicativi
2. Sociologia della Devianza (Criminologia)
3. Criminologia e Criminalistica.
4. Psicologia sociale, investigativa e giuridica
5. Counselor di un linguaggio grafodinamico: tecniche grafologiche e loro applicazione

Area Discipline Medico Legali, Psichiatriche ed Odontostomatologia forense
1. Medicina Legale: definizione e campi di applicazione
2. Odontostomatologia Forense
3. Psichiatria e Psicopatologia Forense

Area Discipline del Linguaggio Forense e Semiologia Giuridica
1. Linguaggio Settoriale e Terminologia Forense
2. Terminologia penalistico – forense
3. Terminologia civilistico – forense
4. Terminologia merceologiche e mass media – forense

Area Discipline di Traduzione ed Interpretariato Forense
1. La traduzione scritta e la traduzione giurata: metodi e ricerca documentata
2. Creazione dei corpora e Traduzione assistita tool open source
3. L’interpretazione forense: metodi e ricerca documentale
4. Creazione dei corpora ed interpretazione simultanea e consecutiva
5. Mediazione linguistica e trattativa

Esercitazioni pratiche
1. Linguistica italiana e fraseologia scientifica
2. Sintassi avanzata e memorizzazione
3. Glottologia e filologia

Per saperne di più

Scuola Superiore per Mediatori Linguistici San Domenico – International Campus
Via Casilina, 233 – Tel. 06 27801150 – Fax 06 92912348 – E-mail: info@ssmlsandomenico.it
Orario di segreteria 9,30-13,00 / 14,30 – 18,00

Mediatore Linguistico e Culturale una Professione diversa dall’ Interprete e Traduttore

In evidenza


cropped-business_people.jpgISCRIZIONE 2014/2015 CLICCA QUI!

 

 

Il mediatore linguistico è il protagonista del confronto tra le diversità linguistiche e culturali.  Una prima area d’intervento è nelle strutture della pubblica amministrazione (ministeri, enti pubblici, regioni ed enti locali) o nelle istituzioni scolastiche (classi multietniche), educative ed assistenziali per agevolare e mediare il confronto con le problematiche della multietnicità ed interculturalità proprie delle diverse aree del paese. Il mediatore deve gestire i processi di integrazione sociale interpretando con un corretto approccio storico e metodologico le istanze socio-culturali delle minoranze linguistiche nei rapporti con le istituzioni regionali, nazionali ed internazionali operanti nel settore della cooperazione culturale e sociale.

oit

Una seconda area d’intervento è il turismo. La piena conoscenza delle lingue e un’adeguata preparazione culturale sono presupposto indispensabile per la trasmissione di contenuti e la costruzione di percorsi turistico-culturali. Sono inoltre competenze funzionali alla gestione dell’impresa turistica, al management dei flussi turistici e a tutti quei ruoli che richiedano di saper interpretare e gestire in termini innovativi e propositivi le diverse situazioni legate al fenomeno turistico.

Accompagnatori e guide richiedono una formazione linguistica che si accompagni ad una preparazione economico/giuridica relativa a tutti i problemi del turismo (individuale, di gruppo, di massa; naturalistico, culturale, e antropologico) nonché ad una precisa componente culturale (letterari, storica, artistica).

Una terza area d’intervento è quella dell’impresa. Il mediatore linguistico trova occupazione come traduttore di linguaggi specialistici e redattore di pubblicistica tecnica per le imprese, e come operatore nei rapporti commerciali internazionali delle aziende.

Una quarta area di intervento è quella della comunicazione linguistico/informatiche per il web e nell’ambito più marcatamente tecnico-umanistico delle indagini di mercato (tecniche di sondaggi, marketing internazionale, pubblicità).

 

L’Europa con le innumerevoli migrazioni si è trasformato in un continente multiculturale, dove vivono fianco a fianco persone di lingua, religione e cultura diverse. La mediazione linguistica e culturale è divenuta indispensabile per facilitare l’integrazione, attraverso la conoscenza e lo scambio reciproco, per assicurare uguali opportunità nel rispetto della diversità. La figura professionale del mediatore linguistico-culturale diventa sempre più preminente in Italia seguendo la scia degli Stati Uniti e del Canada. L’importanza della mediazione è stata riconosciuta dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia, approvata dall’Assemblea Generale dell’ONU nel 1989 e successivamente ratificata da 192 Stati, tra cui l’Italia. In una società multiculturale fondata su uguali diritti e doveri, il servizio di mediazione rappresenta uno strumento che facilita e rende possibile il dialogo e la relazione tra cittadini utenti e le pubbliche amministrazioni.
I mediatori linguistici culturali svolgono un attività di mediazione tra i cittadini di diverse culture, tra immigrati e la società di accoglienza, facilitano le relazioni fra i cittadini stranieri immigrati in Italia, comunitari ed extracomunitari, e gli operatori italiani che, a vario titolo, si rapportano quotidianamente con loro, sostengono ed accompagnando entrambe le parti nella rimozione delle barriere culturali e linguistiche, e promuovono sul territorio una cultura di accoglienza ed integrazione socio-economica, valorizzando le culture di appartenenza. I mediatori linguistici culturali parlano correntemente più lingue, una buona conoscenza della cultura italiana e della cultura della lingua straniera paese , operano nel territorio svolgendo funzioni di interfaccia tra comunità straniere ed Enti e istituzioni locali. Le funzioni svolte dai mediatori culturali non sono solo quelle di traduttore e interprete linguistico, ma anche da interprete della cultura di appartenenza dell’immigrato, dove per cultura si intende il complesso delle norme sociali e religiose, delle abitudini, e dei modelli di vita sia educativi che comportamentali. Gli ambiti d’intervento sono:

Sanitario: dove il ruolo del mediatore consiste nel facilitare la comunicazione durante le visite ed i colloqui con i pazienti stranieri, fornendo al personale sanitario informazioni sulla cultura di provenienza dell’utente ed il disbrigo delle pratiche amministrative.

Giuridico: dove il ruolo del mediatore consiste nel effettuare traduzioni giurate; produrre materiale informativo nella lingua madre dell’utente; accompagnare i cittadini stranieri nei vari uffici (Questura, Carcere, Tribunale); fornire consulenza al personale di servizio sulle specificità delle culture di appartenenza degli utenti; offrire orientamento per il disbrigo delle pratiche burocratiche.

Sociale: dove il ruolo del mediatore consiste nel accogliere gli utenti stranieri che si rivolgono al servizio sociale; facilitare la comunicazione tra operatori sociali ed utenti qualora sia difficile la comprensione linguistica e/o culturale (modello educativo, peculiarità religiose); chiarire ai cittadini stranieri i ruoli ed i poteri ricoperti delle figure professionali operanti nell’ambito sociale; offrire consulenza agli operatori sociali per facilitare la risoluzione dei casi in cui sono coinvolti utenti stranieri.

Lavorativo: dove il ruolo del mediatore consiste nel; offrire consulenza agli operatori a contatto con il pubblico; produrre materiale informativo; fornire consulenza ai cittadini stranieri per la redazione dei curricula e la compilazione della modulistica; istituire e gestire una banca dati/archivio per la ricerca lavoro; divulgare informazioni relative all’ottenimento dell’equipollenza dei titoli di studio; illustrare le procedure necessarie per ottenere la conversione delle patenti; agevolare il disbrigo delle pratiche burocratiche (ottenimento del permesso di soggiorno, ricongiungimento familiare, ecc.); favorire i contatti con i datori di lavoro; agevolare l’ottenimento dei contratti di lavoro.

Scolastico: dove il ruolo del mediatore consiste nel: facilitare la comunicazione tra l’alunno straniero e l’insegnante e tra la famiglia straniera e l’insegnante; offrire assistenza temporanea agli insegnanti di alunni che non conoscono l’italiano; fornire consulenza agli insegnanti per facilitare la comprensione di comportamenti problematici messi in atto dai bambini stranieri; fare docenza nei corsi di aggiornamento per insegnanti sulle tematiche dell’intercultura; partecipare alle riunioni tra gli insegnanti ed i genitori stranieri. Inoltre il mediatore fornisce chiarimenti a insegnanti e famiglie straniere sui diversi modelli educativi; divulga le informazioni relative alle modalità di iscrizioni nelle scuole; produce materiale informativo in lingua straniera relativo alla scuola; si occupa della redazione della modulistica scolastica nella lingua del paese di origine del bambino; prepara materiale didattico nella lingua madre dell’alunno; partecipa ad attività di promozione e valorizzazione di altre culture; fornisce la sua consulenza nei progetti per una didattica multiculturale.

Per preparare al mondo del lavoro la SSML San Domenico ha creato diversi indirizzi professionali :

Indirizzi e professioni

 

Corso di Alta Formazione Professionale per TOURIST ASSISTANT e-learning course


Coso di Alta Formazione Professionale per TOURIST ASSISTANT e-learning courseanimated-new

hello_animated_22

Obiettivi e finalità

Il Corso di Alta Formazione Professionale proposto, totalmente in LINGUA INGLESE, darà la possibilità di qualificarvi mediante la formazione a distanza (e-learning).

Obiettivo del corso e’ il rapido inserimento nel mondo del lavoro, in considerazione del fatto che il turismo rappresenta per l’Italia uno dei settori trainanti, che necessita sempre più di personale plurilingue altamente qualificato.

Al termine del Corso, gli alunni avranno acquisito la necessaria conoscenza specifica, e soprattutto saranno in grado di relazionarsi con il turismo americano con il quale le agenzie collegate al nostro Network lavorano. Il Corso tiene conto delle regole attitudinali e comportamentali che caratterizzano e rendono particolare questo tipo di lavoro.

Sarà proprio questa la chiave che permetterà l’inserimento, ai fini lavorativi, in tutti gli ambienti correlati al turismo, avendo acquisito un know-how direttamente sul campo.

Opportunità di inserimento lavorativo

Le statistiche, allo stato attuale, fanno emergere dati estremamente confortanti sulle opportunità di lavoro che attendono la figura professionale del TOURIST ASSISTANT.

La Scuola SSML San Domenico, Istituto Universitario, che organizza il corso, e’ molto apprezzata dalle aziende e viene da queste regolarmente contattata per ricerche di personale altamente qualificato.

Le agenzie collegate al nostro Network infatti lavorano direttamente con turisti, per lo più americani.

Alla fine del Corso , vi sarà una selezione in base ai risultati ottenuti e ai migliori tra i partecipanti verranno proposti stage remunerati presso queste aziende.

Qui potranno on job, mettere in pratica quanto appreso e decidere se continuare ad operare come Tourist Assistant o scegliere, secondo le proprie attitudini, di continuare gli studi per ottenere le qualifiche necessarie a svolgere la professione di Guida di Turismo,Accompagnatore turistico, Driving Guide, Hostess di Crociera o del Personale di Ricevimento e Concierge delle migliori Strutture Alberghiere del nostro paese.

Destinatari

Il Corso di Tourist Assistant è riservato a coloro i quali abbiano una conoscenza molto avanzata della lingua inglese.

La stagione turistica si estende da Maggio a Novembre

Pertanto si richiede a tutti coloro che verranno ammessi allo stage remunerato, totale disponibilità di orario ed a viaggiare su tutto il territorio nazionale per tutta la durata del suddetto periodo.

Programma e Titoli rilasciati

Il programma è stato ideato e realizzato attraverso la stretta collaborazione tra la SSML “San Domenico, l’istituto IGEAS e diverse aziende partner, operanti nel settore del turismo e hospitality industry.

Questo corso, costituito da 30 lezioni, sarà disponibile online ventiquattro ore su ventiquattro sul website della piattaforma FAD della SSML San Domenico, alla quale sarà possibile accedere grazie ad un username e ad una password forniti ad ogni alunno al momento dell’iscrizione e pagamento del Corso.

Il Corso avrà la durata di 40 ore, di cui 30 online e 10 pratiche sul campo.

Programma di studio

Storia dell’arte

Repubblica e Impero Romano

Circuiti turistici

Il Vaticano

Tourist’s cultural background

Etica

Senior Citizens

Enogastronomia

Wine tasting tours

 

Hotel Ricevimento

Docks areas

Airport areas

Il programma di studi prevederà lezioni riguardanti le nozioni storico-culturali del nostro paese, con itinerari ben precisi, che interesseranno la Campania, il Lazio, l’Umbria e la Toscana,passando dalla Costiera Amalfitana a Pisa e Firenze, soffermandosi ovviamente su Roma. Ogni lezione verrà supportata da immagini e schemi di riferimento .

Ogni lezione prevede delle domande test a scelta multipla. Gli alunni dopo aver svolto la parte teorica, svolgeranno la parte pratica di 10 ore sul campo. A questa fase sarà anche data una valutazione di performance e di esposizione in lingua inglese.

L’attestato di raggiunta professionalità è il titolo rilasciato dalla SSML “San Domenico”.

Costo del corso e modalità di iscrizione:

Il Corso ha un costo di 500,00 euro

Per procedere al pagamento, presentare la domanda di iscrizione ed ulteriori informazioni rivolgersi a

Website:

www.ssmlsandomenico.it

Corso di Alta Formazione Professionale per TOURIST ASSISTANT e-learning course

Via Casilina, 233

00176 Roma

Tel.0627801150

email  

info@ssmlsandomenico.it

 

Corso di Alta Formazione in Interpretariato di Conferenza in lingua Inglese

In evidenza


inizio Corsi :2 edizioni Ottobre e Marzo

Durata : 60 ore  in formula week-end –  8 ore  il sabato  120 in Fad

OBIETTIVI

 Il Corso di Alta Formazione in Interpretariato di Conferenza in Lingua Inglese, vuole approfondire gli elementi indispensabili nella formazione di un interprete, creando una figura professionale particolarmente ricercata sul  mercato del lavoro: un professionista della traduzione consecutiva, chuchotage e Simultanea grazie alla possibilità di consolidare la capacità di  comprensione e di sintesi, di sviluppare le abilità oratorie  e di rafforzare la capacità di controllare la propria voce utilizzando le tecniche di dizione.  Avere buone competenze linguistiche non basta per essere un ottimo interprete, è necessario fare pratica per sapersi orientare negli ambienti  congressuali ed acquisire strumenti e conoscenze per organizzare la propria attività e farsi conoscere dai clienti.

DESTINATARI

 Il Corso richiede ottime competenze della lingua inglese(minimo B2 ) ed è indirizzato a:

 – Candidati in possesso di un diploma di laurea triennale in Scienze della Mediazione    Linguistica (classe 3/L12)

   – Candidati in possesso di laurea quadriennale (v.o.), di laurea specialistica o magistrale

   -Candidati con ottime competenze linguistiche e professionisti di settore con  ore di esperienze nel settore.

  METODO DIDATTICO

 Il Corso  di Alta Formazione  prevede 60 ore d’aula e 120 ore in Fad . La Formula Week End rende questo percorso particolarmente adatto a coloro che sono già impegnati durante la settimana ma non vogliono rinunciare ad arricchire le proprie competenze. Le lezioni sono tenute infatti il sabato o il venerdì  dalle 10.00 alle 18.00.

 Il percorso di Alta Formazione professionale prevede  lezioni teorico formative ed attività pratiche volte a permettere ai partecipanti di applicare direttamente in aula e in cabina in sala conferenze  le nozioni apprese e di contestualizzare con l’operatività reale.

  Il Corpo Docente dedicato al Master è composto da qualificati Professionisti,  Interpreti , Manager e Professional del mondo lavorativo.

 Durante il corso dei principali Moduli sono previsti momenti di verifica, che permetteranno di valutare il grado di apprendimento e le attitudini personali di ciascun partecipante.

 La metodologia sarà principalmente di carattere pratico. Le lezioni frontali svolte in aula, in laboratorio o in cabina, anche sotto forma di esercitazioni, mirano al consolidamento delle abilità finalizzate alla traduzione simultanea, consecutiva, di trattativa e chuchotage. E’ disponibile una  Sala Conferenze con Cabine   che gli studenti potranno utilizzare  .

 La frequenza  è obbligatoria. Al termine del Corso di Alta Formazione verrà rilasciato il Diploma di Corso di Alta Formazione in Interpretariato di Conferenza in lingua inglese  a tutti coloro che avranno frequentato almeno l’80% delle lezioni.

PROGRAMMA

 Il Programma prevede i seguenti moduli didattici:

Strategie in Interpretazione

Interpretariato di Simultanea

Interpretariato di Trattativa

Le Istituzioni Europee e la Carriera di Interprete

Competenze e Sviluppo della Carriera di interprete

Abilità e competenze comunicative nelle lingue di lavoro;

Linguaggi settoriali:

Settore politico-istituzionale;

Settore turistico;

Settore economico-finanziario;

Settore medico-scientifico;

Settore giuridico;

Capacità di comprensione e di sintesi,

Impiego dei sistemi di simboli visuali nella presa di appunti

Tecniche di memorizzazione;

Tecniche dell’interpretazione

Interpretazione in consecutiva,

Interpretazione in trattativa,

Interpretazione in simultanea;

Abilità oratorie,

Controllo e dominio della propria emotività;

Training di dizione;

Come trasmettere correttamente i contenuti del messaggio di partenza;

Il codice etico della categoria professionale che si rappresenta;

Le dinamiche del mercato del settore

Project Management

SBOCCHI PROFESSIONALI

 Le competenze acquisite con il Corso saranno utili nell’intraprendere l’attività di interprete sia nelle istituzioni, che come free lance che in ambito aziendale e congressuale , Interprete Free Lance.

BORSE DI STUDIO E AGEVOLAZIONI

 Il Centro Universitario mette a disposizione delle Borse di studio a copertura parziale. Per partecipare alla graduatoria per l’assegnazione delle Borse di Studio è necessario iscriversi alle selezioni entro  Novembre  (prima edizione) o Gennaio  (Seconda edizione)

 E’ possibile ripartire l’intera quota di partecipazione in rate .Per informazioni contattare la segreteria.

AMMISSIONE  E  ISCRIZIONE

 Il Corso di alta formazione è a numero chiuso e prevede un minimo di  partecipanti e un massimo di 16.

 La procedura di ammissione prevede un processo di selezione finalizzato ad individuare potenziali, attitudini, motivazioni e competenze linguistiche dei candidati.

 Per iscriversi alle selezioni è necessario   inviare apposita domanda di partecipazione e farla pervenire per mail/fax al centro universitario entro e non oltre il 20 Novembre  e il 20 Gennaio  di ogni anno accademico

L’iscrizione alle selezioni è gratuita.

 Le selezioni prevedono:

 Valutazione del curriculum vitae

 Colloquio motivazionale individuale

 Test scritto o orale per valutare le conoscenze della lingua

 I possessori di Diploma di Laurea in Scienze della Mediazione Linguistica (Classe 3/L12) sono esonerati dall’effettuare il test linguistico e parteciperanno alla selezione per titoli.